Come ti piacerebbe un ristorante a Panarea?

Una veranda a pochi metri dal mare, le onde che si infrangono sulla riva come colonna sonora? O forse un tetto come terrazza, sopra di te solo le stelle?

Da Adelina hai entrambe le alternative, in un ambiente raccolto ed elegante, semplice e bello come il cielo e il mare.

Cosa ti piacerebbe mangiare in un ristorante a Panarea?

Si, esatto, pesce fresco appena pescato e i migliori piatti della cucina tradizionale siciliana, magari rivisitati e un pò alleggeriti, belli anche da vedere. Il tradizionale tortino alle acciughe qui si ingentilisce grazie al limone candito e alla bagnacauda di patate e caprino, lo gnocco si tinge del nero di seppia e si accompagna a candide tagliatelle di seppie arrotolate…

50 anni fa un bravo pescatore, Giovanni Tesoriero, decise di condividere con amici e turisti le magie culinarie della moglie Adelina, nacque così il ristorante a Panarea a lei dedicato. Dagli anni ’80 è il figlio Giuseppe che se ne occupa, con il rispetto e l’amore di sempre.

E in cucina, lo chef Giovanni Sorano, che frequenta Panarea da quando era ragazzino: mentre Giuseppe aiutava il padre pescatore, Giovanni faceva il barcaiolo, poi tutti i lavori che si fanno in un ristorante. Dopo la gavetta sull’isola Giuseppe e Giovanni hanno viaggiato e lavorato nei cinque continenti, insieme e da soli.

Con la formula “inverno in giro per il mondo e l’estate a Panarea” hanno imparato, confrontato, assaggiato… del resto l’esperienza è tutto per diventare ottimi cuochi, in grado anche di gestire i momenti di (felice) tensione delle serate più piene.

Ancora più forte e matura, ora, la scelta di riprendere di nuovo insieme le redini dell’amato ristorante a Panarea. L’orto di Adelina fornisce sempre le spezie e le verdure, il mare eoliano offre il suo pesce, e il desiderio di far star bene i clienti si rinnova sempre.